Discosomi viola

Discosomi viola

15,00

Descrizione

Nome latino
Discosoma species
Nome comune
Attinia a fungo o anemone a disco
Dimensione
Massima in natura 15 cm; in acquario 8 / 10 cm
Valori dell’acqua
Temp. 24° / 27° C; Densità 1022 / 1024; PH 8,4
Allevamento e compatibilità in acquario
Grosso Antozoo solitario, dell’ordine degli Corallimorpharia, famiglia dei Discosomidae; molto colorato e molto decorativo proviene dall’Oceano Atlantico tropicale, Mar dei Caraibi, penisola della Florida, isole Bermuda e Bahamas.
Antozoo solitario ma gregario, forma piccoli gruppi di individui ben distinti gli uni dagli altri.
Sessile e completamente privo di un sostegno scheletrico, si fissa su di un sostegno inerte, quale una roccia o una madrepora morta, mediante un piccolo disco adesivo detto piede.
Dal piede si innalza il corto, tozzo corpo dell’antozoo, detto colonna, alla cima della quale si apre l’apertura orale, spesso rialzata e circondata da uno spesso disco carnoso, di grosse dimensioni, privo di tentacoli ma coperto da innumerevoli verruche che lo rendono simile al cappello di un fungo, da cui il nome comune.
Il piede, la colonna e il lembo inferiore dell’antozoo sono generalmente di color marrone o verde, la parte superiore del disco, a secondo dell’illuminazione che riceve e quindi delle alghe simbionti che si formano nel tessuto, è di una colorazione molto variabile, passa dal giallo, all’ocra, al marrone, al verde, al viola, sino al blu; oppure è puntinato, screziato o rigato con colori, spesso, a forte contrasto.
Molto robusto, per essere un invertebrato; non essendo molto urticante è molto adatto all’acquario di barriera in convivenza con tutti gli altri tipi di invertebrati, sessili e non, e di pesci di piccola o media grandezza, ma non con Balistidi, Diodon, Tetraodon o Cantigaster che potrebbero sbocconcellarne il disco.
Onnivoro, in natura trae il suo sostentamento sia dalla alghe simbionti, Zooxantelle, che prolificano nel disco carnoso intorno all’apertura orale, sia da plancton e piccoli animali catturati dall’ambiente circostante; in acquario gradisce plancton liofilizzato o surgelato, artemie o chironomus; se molto grande questo antozoo può essere nutrito anche con pezzeti di pesce o di polpa di cozza depositati con delicatezza sopra il disco periorale
Preferisce essere sistemato in un luogo abbastanza o fortemente illuminato ed interessato da una certa corrente di acqua, ma se le condizioni ambientali non sono perfette non ne viene assolutamente pregiudicato il mantenimento in acquario.
A seconda della provenienza, ogni colonia ha differenti necessità di illuminazione; è bene quindi regolare la potenza dell’illuminazione, o il luogo di posizionamento, controllando la risposta dell’invertebrato.
Antozoo molto robusto e facile ad acclimatarsi, non ha particolari esigenze per quanto riguarda i valori chimici e fisici dell’acqua che deve essere solo ben filtrata ed aereata.
Sono comunque sempre consigliabili cambi parziali con sifonatura del fondo ed aggiunte regolari di oligoelementi e bioelementi.
Non è particolarmente aggressivo ma è comunque bene lasciare una piccola distanza di rispeto da altri invertebrati sessili che altrimenti potrebbero venir ustionati dalle sostanze urticanti che emette.
L’unica accortezza, durante l’acquisto, consiste nel controllare che il piede sia ben attaccato al substrato; altrimenti potrebbe succedere che questo antozoo vaghi per l’acquario in preda alle correnti finendo per deperire e morire.

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Discosomi viola”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *